martedì 26 febbraio 2008

Nana's Devotion; Saturno Buttò



SATURNO BUTTO'

Figurati, tableaux vivants, neogotiche pale d'altare per i misteri di una oscura religione. La critica si è sbizzarrita per trovare definizioni che diano un'idea della pittura di Saturno Buttò veneziano, nato a Portogruaro nel 1957.
Si iscrive nel 1971 al liceo artistico di Venezia e successivamente all'Accademia di Belle Arti, diplomandosi al corso di pittura nel 1980. Se si eccettua il decennio legato agli studi, Saturno non lascia mai Bibione, cittadina veneta sul mare, dove vive e lavora.
L'artista sostiene sempre con convinzione l'importanza avuta dall'esperienza veneziana per la sua formazione; il liceo lo inizia al disegno classico ed evidenzia quella che è sempre stata una sua vocazione: la figura. E' un periodo questo di continuo lavoro a matita su carta, in cui non esistono variazioni al rigore monocromatico dei disegni, eccetto una timida comparsa (nell'ultimo anno di liceo) di velature ad acquerello, preludio forse al clima più vivace dell'accademia a cui Saturno approda dopo la maturità artistica nel 1976.
Paradossalmente è proprio l'atmosfera di totale libertà d'espressione che lo convince ad abbandonare, anche se temporaneamente, matite e pennelli a favore di "nuove tecniche" come film, fotografia e varie esperienze legate alle correnti artistiche più in voga in quegli anni quali Body Art e Conceptual Art...
Non cambia però l'interesse per l'elemento umano, che se al liceo viene vissuto in chiave prevalentemente oggettivo anatomico, con l'accademia la ricerca si sposta sul soggetto, sul carattere e le sue implicazioni psicologiche. La "fusione " delle due esperienze determina a partire 1980 (anno dei ritorno a tecniche artistiche più tradizionali) la linea che caratterizzerà anche in seguito tutta l'arte di Saturno: una pittura di forte impatto realistico, basata sul disegno e improntata al tema dei ritratto.
Il successivo decennio si connota per una costante ricerca di perfezionamento della tecnica ad olio che viene interpretata con gusto dei tutto personale che lo condurrà allo stile unico delle tavole degli anni novanta.
Nel 1993 espone per la prima volta in pubblico e pubblica il catalogo monografico "Ritratti da Saturno 1989-1992".
NANA

2 commenti:

Clelia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
AV ha detto...

ma chi è che lascia commenti e poi se li elimina ?